Breaking News
  • 11/03/2020 14:58
    Benin: Mascherine in regalo ai villaggi per proteggersi dal virus
  • 12/11/2018 18:08
    Christmas Charity Ball 2018: al via l iniziativa natalizia
  • 12/11/2018 17:20
    Christmas Charity Ball 2018
  • 30/09/2018 21:11
    test
  • 05/09/2018 16:22
    Attivato servizio breaking news

Alla fine del mese di Agosto 2016, ci arriva un messaggio da parte della nostra Charity AmbassadorYulia da Ekaterinburg, nel bel mezzo della Russia.

Un locale fondo di solidarietà con il quale Yulia ha forti rapporti di collaborazione ha bisogno di collaborazione per aiutare nelle cura una bambina affetta da una rara malattia.

Ut wisi enim ad minim veniam, quis nostrud exerci tation ullamcorper suscipit lobortis nisl ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit esse molestie consequat, vel illum dolore eu feugiat nulla facilisis at vero eros et accumsan et iusto odio dignissim qui blandit praesent luptatum zzril delenit augue duis dolore te feugait nulla facilisi.

"Hi All! How are you? I sent you the email... This is a very urgent case. That must be solved by October 1.

In this email there is a request about needing a specially equipped computer. Any possible help from will be so much appreciated. Even a less amount of money. Anything you manage to organize. Perhaps, you can find a previously used computer instead of money and ship it. Please, let me know if you are taking this case. If you feel there is nothing that can be done at the moment, I must notify them on Monday. Have a great weekend! Hugs!"

Yulia

La piccola Maria attualmente è ospite presso un centro di riabilitazione; sua madre è stata costretta a trasferirsi in una città nel nord della Russia per accettare una offerta di lavoro che le consentisse di poter guadagnare soldi con i quali pagare i debiti contratti con le banche per sostenere la propria famiglia. Costantemente segue telefonicamente gli sviluppi della terapia alla quale viene sottoposta la figlia che insieme a suo fratello Sasha sono stati affidati alla guida della nonna materna all'interno del centro di riabilitazione.

Il giorno 8 settembre, il fondo di solidarietà russo, per nome del suo direttore generale Larisa Bulatova ci invia una lettera ufficiale con la quale ci chiede aiuto nel sostenerli nell'acquisto di un computer adeguato a poter avviare la terapia sperimentale per la piccola Maria.

La nostra associazione si era già verbalmente impegnata tramite Yulia, ed all'arrivo della lettera con tutti i dettagli del caso, ci siamo attivati affinchè potessimo raccogliere nel più breve tempo possibile la somma di 61.072 Rubli Russi necessari all'acquisto dell'hardware necessario. Non si poteva perdere troppo tempo, la terapia doveva iniziare nel più breve tempo possibile.

Nel giro di 4 settimane, grazie alla partecipazione di diversi sostenitori, la cifra necessaria è stata raggiunta ed immediatamente trasferita nelle mani della nostra ambasciatrice sul posto per consentirle di attivarsi nell'acquisto in loco del computer preventivato.